Archive | dicembre 2016

Who or what influenced Snowden

The world seen as a chessboard on which skillful players concoct their moves, trying to predict countermoves, the deployment of the other reactions.

“Knight Snowden” presented himself as a knight without fear and without reproach, lit by a sudden democratic feeling, the love for a Country from which he felt betrayed, or rather, it was the homeland that was betrayed by its rulers.

Then suddenly he took the decision of disclosing all the secrets he had come to know, data and classified information that had been subtly snatched from people by a Government, the US Government, which he was no longer willing to serve.

Up to this point, it would be understandable – I no longer believe in the system, I isolate myself and I try to fight it – but the young hacker behavior still leaves doubt that no one will be able to dispel, at least for the moment.

In this document, we will try to analyze, without giving demagogic assessments, the only known elements: personality, environment and effects.

Personality:

From known facts, it can be assume that the boy, son of an officer of the Coast Guard and of a Clerk of the Federal Court of Maryland, attended the compulsory education until the 10th grade, but failed to complete the computer science course and was forced to graduate from a private school.
The cause of his erratic school attendance is attributed by his father to epilepsy, a disease from which Edward has been suffering from an early age.

With only twenty years, Edward tries to enlist in the American Special Forces with the intention of going to fight in Iraq, but after four months, he is reformed and sent home. In 2004, he manages to find a job as a guard at the University of Maryland, where NSA has offices.
Since the health conditions of the boy were not taken into consideration, it is likely that for this job the boy was helped by his father’s acquaintances. As we said, his father is an Officer of the State Coast Guard. The boy suffers from epilepsy, which detrimental for a job position of security and maybe this may have been the cause his the dismissal from the armed forces.

It is common and consolidated practice for the CIA to recruit its agents and employees at Universities, and so it must have been for Snowden, solely for his skills and especially his computer skills.

Then he was supposedly moved to Geneva, I do not think to the main head quarter, but most likely he was under the cover of one of the many offices of the “Company”.

There is plenty of work in Geneva. The city is an economic hub for international affairs and in addiction to that it is one of the headquarter connection of the International Atomic Energy Agency, but it is very likely that Edward was used as a hacker, not as an operative agent.

In 2009, after being also in Japan on behalf of the CIA, he left the Agency to be hired by a contractor company that performs services on behalf of the NSA.

We could assume that the CIA would hardly let go him if he had been deemed as strategically useful, or he could have been part of a covert project in a private company that handles in outsourcing some intelligence works. This will remain a mystery until Edward decides to talk about it.
Only 26, the boy apparently visited several locations of the US espionage, most likely as a hacker. Then, since he was not an operative agent, he did not have to pass the very strict physical and psychophysical tests that all agents on field have to pass. These tests would have surely revealed the shortcomings of reliability and stability that are necessary for an operative agent.

Environment:

The current environment changed the weapons and the battleground between the powers, but not only, it also amended the litigations, shifting the targets from physical to metaphysical, from places to tools.

The wars that are fought on the ground, although bloodier, perhaps are not the most strategically important. The battles that are won in the cyberspace, can bring down or can rule statuary, economic, scientific and industrial systems.

Armed and hardly trained men, were replaced by normal or even subnormal kids, who instead of spending their youth in a gym, spend their nights hunched over keyboards and front of video screens, often earning a high myopia. It doesn’t matter if you’re epileptic, you can receive the necessary treatment at any time. It doesn’t matter if you are prepared, ready to die, if you completed your studies at West Point. What matters is that you have the skill of partaking in web environments, you owned a laptop since your childhood, you have a social network profile, and you have the ambition of becoming a hacker.

The new prototype of secret agents is just like Edward Snowden and similar soldiers are needed a lot to analyze and catalog the huge amount of data that every second cross the network and are intercepted, which is why many services are given to private companies in outsourcing.

Allocating such a service to a specialized agent has a much higher cost than using a trained operator only to do that, which is why they turn to the contractors.

It is said nowadays that the network is a sieve; of course, it has always been so, with the only difference that now the need to spy and to get protection from the electronic espionage is much bigger than in the past.

Let’s assume that no telematically transmitted data is safe. The network is like a huge safe where we keep our treasures, our most important data. This safe has a key that is produced or generated by those who built the virtual safe, that is the big electronic software companies. Having control of Microsoft and Apple and or other companies like that, means to know all the keys of access of all the users.

The world can not do without the computer network, if it collapsed it would be total chaos. We all are aware of it, but we hope that does not happen. Governments, the various secret services, engage in this battle with a dual aim: to defend themselves and to try and destroy the enemy.
But how is it organized, or rather, how should the work of electronic espionage be organized?

If we consider the profiles of the operators, especially with regards to the contractors, who did not sustain the tests for reliability and confidentiality, the espionage projects are, or at least should be, divided into levels, chopped, and assigned to each individual. This way, only assembling the various pieces you can get a complete picture. The complete picture should be in the hands of the coordinator, the project manager of absolute reliability.

The question is: how did Snowden manage to steal such a large amount of data without anyone noticing, and in a limited period of time? It is not possible, unless you consider that all this is part of a month, maybe year, long project, during which Edward, individually or, more likely guided, collected and stored million data, with hacking activities, taking advantage of his privileged position.
Analyzing his behavior before his escape, you can understands very well that he was part of a well-studied plan.

He had left about a month before the house where he lived with his girlfriend in Hawaii, he had leaked some tiny information, and remained anonymous for a while, as he knew he would not have remained anonymous for long. Then he did not take a flight not for Iceland or for another Country that would have easily granted him political asylum, instead he went to Hong Kong, i.e. is the People’s Republic of China.

Is it possible to imagine that an American subject, certainly filed as a spy by the Chinese secret services, can enter the Chinese territory and then he can stay there quietly in a comfortable Hotel for about 20 days without the Authorities being informed? No, who at least once passed the controls of the Chinese Border Police, knows very well that this is not possible.

Although Hong Kong is a special administration Country and you do not need to obtain a visa before entering, if the visit is for tourism and it does not last more than 90 days, at the Border you are registered and checked.

China diplomatically takes time with the US request of expelling the “traitor”. They verify that he does not appear in any “wanted” list of the INTERPOL and claim they cannot violate the rights of a citizen upon which a request for international arrest has not yet been formalized; all said by the People’s Republic of China!

What did Snowden give to the Chinese Snowden to avoid being kicked out from Hong Kong? It is easy to guess. But the situation becomes more and more tense, and so the young American decides to leave for Moscow.

In order to take a flight for Russia you need a visa or, in case of a transit flight, you need a ticket to another Country. It is impossible that Aeroflot let him board without a defined final destination.

In Moscow he stayed at the only hotel in the transit area, the Kora Vip Hotel, located between Terminal 1 and Terminal 2 of the highly controlled Sheremietievo International Airport. The hotel is rather small with about twenty rooms, the rooms cost from 88 to 158 $.

The US make a bold move and cancel Snowden’s passport, so no airline can let him on board. Try and imagine an common person in Russian territory, if not formally yet physically in Russia, without a passport, without a visa and without a transit ticket? IMPOSSIBLE

The effects:

Saying that the effects of the Snowden case had not been calculated would be naive; suspecting that the story has distant origins would be legitimate. If this were the case, it would certainly be the most sophisticated intelligence operation presumably orchestrated by the Russian or the Chinese or by both in a joint venture.

The story begins with news of the development of billions of contacts, data, numbers, locations related to communications, some people are shocked, they cry in protest then the world realizes that this is the way of the world.

Then there is something else, the US are spying on the European allies, diplomatic missions, representatives and even the ECB.

It is chaos, the European Parliament President Martin Schulz, a German Social Democratic, called  treason; that’s first effect: the suspension of the procedure for the FTA treaty between the EU / USA.
Then French, in favor of the treaty, came into play, but proposed the so-called “Cultural Reserve”.

The free trade agreement between the two sides of the Atlantic would constitute a commercial district that is 50% of the world GDP, this means an increase of about 1% of the GDP and it has a value of about 195 billion for Europe and of 90Mld for the US.
Obviously, the other major markets, Russia and China in the first place, would have the losses and would be affected by the abolition of customs duties. These happen to be the very same Countries where the most wanted man of the moment stayed and is currently staying.
Two birds with one stone, in addition to the rupture of the free trade negotiations, the Snowden’s move produced a climate of mistrust that could affect military reports and defense identity within NATO.
The United States of America have been shifting lately the attention and then the strategic military resources from the Atlantic to the Pacific, considering now the Atlantic axis normalized and under control of the Allies.

The rupture or interruption of relations between the EU and US could delay the positioning accuracy on the Pacific axis of the US forces, thus causing damage in the joint control of the balances in Southeast Asia, one of the commercial and hegemonic objectives of the Beijing policy.

To close up, characters, settings, places and objectives, lead more to consider the Snowden case as an excellent intelligence activity rather than as the initiative of a single patriot animated by good feelings.

Annunci

Cosa o chi ha condizionato Snowden

Il mondo visto come una scacchiera sulla quale abili giocatori architettano le proprie mosse, cercando di prevedere le contromosse, le reazioni dell’altro schieramento.

“Knight Snowden” si è presentato come un cavaliere senza macchia e senza paura, illuminato da un improvviso sentimento democratico, d’amor di una Patria dalla quale si è sentito tradito, o meglio era la Patria ad essere stata tradita dai governanti.

Allora d’un tratto prese la decisione che sviscerare tutti i segreti dei quali era venuto a sapere, quei dati e quelle informazioni riservate, carpite alla gente in maniera subdola da un Governo, quello degli Stati Uniti d’America, che lui non aveva più intenzione di servire.

Fino a questo punto sarebbe comprensibile – non credo più nel sistema, mi isolo e cerco di combatterlo – ma il comportamento del giovane hacker lascia comunque dei dubbi che nessuno sarà in grado di dissipare, almeno per il momento.

In questo nostro documento cercheremo di analizzare, senza dare valutazioni demagogiche, i soli elementi conosciuti: personalità, contesto ed effetti.

Della personalità:

Dai dati conosciuti si può desumere che il giovane, figlio di un Ufficiale della Guardia Costiera e di una Impiegata della Corte Federale del Maryland, ha frequentato la scuola dell’obbligo fino al 10° grado, ma non è riuscito a completare il corso d’informatica ed è stato costretto a diplomarsi in una scuola privata.

La causa della sua incostante presenza scolastica viene attribuita dal padre all’epilessia, malattia della quale Edward soffre sin da piccolo.

Appena ventenne Edward cerca di arruolarsi nei corpi speciali americani con l’intento di andare a combattere in Iraq, ma dopo quattro mesi viene riformato e rispedito a casa. Nel 2004 riesce a trovare posto come guardiano presso l’Università del Maryland dove ha una sede la NSA.

È possibile che per questo lavoro abbiano pesato le conoscenze del padre, che come si è detto, è un Ufficiale della Guardia Costiera dello Stato, dato che certamente non sono state valutate le condizioni di salute del ragazzo affetto da epilessia, pregiudizievole per un lavoro di sicurezza, forse sarà stata questa la causa del congedo dalle forze armate.

È prassi comune e consolidata per la CIA reclutare presso le università i suoi agenti e collaboratori e così sarà stato per Snowden, esclusivamente per le sue competenze e soprattutto attitudini informatiche.

Sarebbe stato quindi trasferito a Ginevra, non credo presso l’Antenna locale, ma molto probabilmente sotto la copertura di uno dei tanti uffici della “Company”.

Di lavoro a Ginevra c’è n’è tanto, oltre ad essere un crocevia economico per gli affari internazionali è una delle sedi di collegamento della International Atomic Energy Agency, ma è molto probabile che Edward sia stato utilizzato come hacker, non certo come operativo.

Nel 2009 dopo essere stato anche in Giappone per conto della CIA, lascia l’Agenzia per essere assunto da una società di contractor che svolge servizi per conto della NSA.

Viene da presumere che la CIA difficilmente l’avrebbe lasciato andare se fosse stato ritenuto strategicamente utile, oppure poteva far parte di un progetto di infiltrazione di una delle private company che gestiscono in outsourcing alcuni lavori di intelligence, questo resterà un mistero fin quando Edward non deciderà di non parlarne.

A soli 26 anni il ragazzo avrebbe girato diverse sedi dello spionaggio statunitense, molto probabilmente come hacker quindi, non essendo stato un operativo, non ha dovuto superare le rigidissime verifiche fisiche e psicofisiche alle quali sono sottoposti gli Agenti sul campo, che avrebbero sicuramente fatto emergere le carenze di affidabilità e stabilità necessarie per un operativo.

Del contesto:

Il contesto attuale ha modificato armi e terreno di scontro tra le potenze, ma non solo, ha modificato anche i contenziosi, indirizzando gli obiettivi da fisici a metafisici, da luoghi a strumenti.

Le guerre che si combattono sul terreno, anche se più cruente, forse non sono strategicamente le più importanti. Le battaglie che si vincono nel cyberspace, possono far crollare o governare sistemi statuari, economici, scientifici e industriali.

Uomini corazzati e duramente addestrati, sono stati sostituiti da normali o addirittura subnormali ragazzi, che invece di passare la loro adolescenza in una palestra, hanno trascorso le notti chini su tastiere e davanti a schermi video, guadagnandosi spesso una forte miopia.  Non importa se sei epilettico, potrai ricevere le cure necessarie in qualsiasi momento. Non importa se sei preparato, pronto a morire, che tu abbia concluso gli studi a West Point, l’importante che tu abbia l’attitudine a cimentarti negli ambienti web, che sin da piccolo abbia posseduto un portatile, un profilo social network, che tu abbia l’ambizione di diventare un hacker.

Le nuove schiere di agenti segreti sono proprio come Edward Snowden e di soldati del genere ne servono molti per analizzare e catalogare l’enorme quantità di dati che ogni secondo viaggiano sulla rete e vengono intercettati, per questo motivo molti servizi vengono dati in outsourcing a società private.

Destinare ad un servizio del genere un Agente specializzato ha un costo ben più elevato che utilizzare un operatore formato solo per far quello, ecco perché si ricorre ai contractor.

Si dice ora che la rete è un colabrodo, ovvio, lo è sempre stato, solo che adesso la necessità di spiare e di difendersi dallo spionaggio telematico è enormemente maggiore che in passato.

Partiamo dal presupposto che nessun dato che viaggia in maniera telematica è sicuro. La rete è come una enorme cassaforte dove custodiamo i nostri tesori, i nostri dati più importanti. Questa cassaforte ha una chiave che viene prodotta, ovvero generata, da chi ha costruito lo scrigno virtuale, le grandi compagnie elettroniche di software. Controllare Microsoft e Apple o altre compagnie del genere, equivale a conoscere tutte le chiavi d’accesso di tutti gli utenti.

Il mondo non può fare a meno della rete informatica, se crollasse sarebbe il caos totale; tutti ne siamo consapevoli, ma speriamo che ciò non accada. I governi, i vari servizi segreti, ingaggiano questa battaglia con l’intento duplice: difendersi e tentare di distruggere il nemico.

Ma come viene organizzato, o meglio come dovrebbe essere organizzato il lavoro di spionaggio elettronico?

Tenendo conto dei profili degli operatori, specie per i contractor, che non hanno superato test di affidabilità e riservatezza, i progetti di spionaggio sono, o almeno dovrebbero essere, suddivisi su livelli, spezzettati, assegnati ai singoli, in maniera tale che solo l’assemblaggio dei vari pezzi possa dare una lettura completa. Il puzzle completo dovrebbe essere nelle mani del coordinatore, del project manager di assoluta affidabilità.

La domanda è: come ha fatto Snowden ad appropriarsi di una tale quantità di dati senza che nessuno se ne accorgesse e in un peridio limitato? Non è possibile, a meno che non si consideri che tutto questo faccia parte di un progetto lungo mesi, forze anni, durante il quale Edward, autonomamente o più verosimilmente pilotato, abbia raccolto ed archiviato milioni di dati, con attività di hackeraggio, sfruttando la sua posizione privilegiata.

Analizzando il suo comportamento prima della fuga, si capisce benissimo che è stato parte di un piano ben studiato.

Aveva lasciato circa un mese prima la casa dove viveva con la fidanzata alla Hawaii, aveva fatto uscire con il contagocce alcune informazioni, rimanendo per un po’ anonimo, tanto sapeva che non avrebbe retto per molto l’anonimato, poi non ha preso un volo non per l’Islanda o altro paese che facilmente avrebbe concesso l’asilo politico, ma per Hong Kong, cioè per la Repubblica Popolare Cinese.

È possibile immaginare che un americano, sicuramente schedato come spia dai servizi cinesi, possa giungere in territorio cinese e rimanervi tranquillamente in un comodo Hotel per circa 20 giorni senza che le autorità fossero state infornate? No, chi almeno una volta ha passato i controlli della polizia di frontiera cinese, sa benissimo che questo non è possibile.

Anche se Hong Kong è una amministrazione speciale e non necessita ottenere un visto prima di entrarvi, se la visita è a scopo turistico e non dura più di 90 giorni, alla dogana si viene registrati e controllati.

La Cina diplomaticamente, alla richiesta americana di espellere il “traditore”, prende tempo, accerta che non compare in un “wanted” dell’INTERPOL e dichiara di non poter violare i diritti di un cittadino sul quale non è stata ancora formalizzata una richiesta di arresto internazionale; detto dalla Repubblica Popolare Cinese!

Cosa avrà dato ai cinesi Snowden per non essere cacciato a pedate da Hong Kong, è facile intuirlo. Ma l’aria si fa sempre più afosa e il giovane americano decide di partire per Mosca.

Per imbarcarsi per la Russia è necessario avere un visto oppure, se si tratta di un transito, un biglietto per un altro Paese, impossibile che Aeroflot l’abbia fatto imbarcare senza una meta precisa.

Giunto a Mosca viene ospitato nell’unico albergo in zona transito, Kora Vip, situato tra il terminal 1 e il terminal 2 del controllatissimo aeroporto internazionale di Sheremietievo, una piccola struttura con una ventina di camere, le camere costano da 88 a 158$.

Gli USA fanno un colpo di mano, annullano il passaporto di Snowden così nessuna compagnia aerea può imbarcarlo. Immaginate un comune mortale in territorio russo, se non formalmente fisicamente in Russia, senza passaporto senza visto, senza biglietto di transito? IMPOSSIBILE

Degli effetti:

Dire che gli effetti del ciclone Snowden non siano stati calcolati sarebbe da ingenui; sospettare che la vicenda abbia origini lontane sarebbe legittimo. Se così fosse sarebbe certamente la più sofisticata operazione di spionaggio messa a segno immaginiamo da russi o cinesi o da entrambi in una joint venture.

La vicenda inizia con notizie sull’elaborazione di bilioni di contatti, dati, numeri, localizzazioni riferibili alle comunicazioni, qualcuno si scandalizza, grida poi il mondo si rende conto che così fan tutti.

Poi si fa strada un’altra notizia, gli USA spiano gli alleati europei, sedi diplomatiche, rappresentanze e addirittura la BCE.

Apriti cielo, Martin Schulz Presidente del Parlamento europeo, coriaceo socialdemocratico tedesco, grida al tradimento, primo effetto: la sospensione della procedura per il trattato di libero scambio UE/USA.

A far da sponda ci si mettono poi i francesi, favorevoli al trattato ma propositori della c.d. “riserva culturale”.

Il libero scambio tra le due sponde dell’atlantico costituirebbe un’area commerciale che vale il 50% del PIL mondiale, significa un aumento del PIL del 1% circa e ha un valore circa 195 Mld per l’Europa e 90Mld per l’America.

Ovviamente a farne le spese sarebbero gli altri grandi mercati, Russia e in primis Cina, penalizzati dall’abolizione dei dazi doganali e che guarda caso sono gli stessi Paesi dove ha soggiornato e soggiorna il ragazzo più ricercato del momento.

Con una fava due piccioni, oltre alla rottura dei negoziati sul libero scambio, la mossa di Snowden ha prodotto un clima di diffidenza che potrebbe incidere nei rapporti militari e di difesa in seno alla Nato.

Gli Stati Uniti d’America da qualche tempo stanno spostando l’attenzione e quindi le risorse strategiche militari dall’atlantico al pacifico, ritenendo l’asse atlantico oramai normalizzato e sotto controllo degli alleati.

La rottura o l’interruzione dei rapporti tra UE e USA potrebbe ritardare il posizionamento sull’asse del pacifico delle forze USA, provocando un danno nel controllo paritetico degli equilibri nel sud est asiatico, uno degli obiettivi commerciali ed egemonici della politica di Pechino.

In conclusione, personaggi, contesti, luoghi e obiettivi, portano più a considerare un’ottima attività di intelligence che ad una iniziativa di un singolo dettata da buoni sentimenti patriottistici.