Archivio | Ans RSS for this section

“Cirillo, Metodio, Carlo Magno e gli Stati Uniti d’Europa”

http://statiunitieuropa.blogspot.it/2017/03/cirillo-metodio-e-carlo-magno-cura-di.html?m=1

 

Annunci

Who or what influenced Snowden

The world seen as a chessboard on which skillful players concoct their moves, trying to predict countermoves, the deployment of the other reactions.

“Knight Snowden” presented himself as a knight without fear and without reproach, lit by a sudden democratic feeling, the love for a Country from which he felt betrayed, or rather, it was the homeland that was betrayed by its rulers.

Then suddenly he took the decision of disclosing all the secrets he had come to know, data and classified information that had been subtly snatched from people by a Government, the US Government, which he was no longer willing to serve.

Up to this point, it would be understandable – I no longer believe in the system, I isolate myself and I try to fight it – but the young hacker behavior still leaves doubt that no one will be able to dispel, at least for the moment.

In this document, we will try to analyze, without giving demagogic assessments, the only known elements: personality, environment and effects.

Personality:

From known facts, it can be assume that the boy, son of an officer of the Coast Guard and of a Clerk of the Federal Court of Maryland, attended the compulsory education until the 10th grade, but failed to complete the computer science course and was forced to graduate from a private school.
The cause of his erratic school attendance is attributed by his father to epilepsy, a disease from which Edward has been suffering from an early age.

With only twenty years, Edward tries to enlist in the American Special Forces with the intention of going to fight in Iraq, but after four months, he is reformed and sent home. In 2004, he manages to find a job as a guard at the University of Maryland, where NSA has offices.
Since the health conditions of the boy were not taken into consideration, it is likely that for this job the boy was helped by his father’s acquaintances. As we said, his father is an Officer of the State Coast Guard. The boy suffers from epilepsy, which detrimental for a job position of security and maybe this may have been the cause his the dismissal from the armed forces.

It is common and consolidated practice for the CIA to recruit its agents and employees at Universities, and so it must have been for Snowden, solely for his skills and especially his computer skills.

Then he was supposedly moved to Geneva, I do not think to the main head quarter, but most likely he was under the cover of one of the many offices of the “Company”.

There is plenty of work in Geneva. The city is an economic hub for international affairs and in addiction to that it is one of the headquarter connection of the International Atomic Energy Agency, but it is very likely that Edward was used as a hacker, not as an operative agent.

In 2009, after being also in Japan on behalf of the CIA, he left the Agency to be hired by a contractor company that performs services on behalf of the NSA.

We could assume that the CIA would hardly let go him if he had been deemed as strategically useful, or he could have been part of a covert project in a private company that handles in outsourcing some intelligence works. This will remain a mystery until Edward decides to talk about it.
Only 26, the boy apparently visited several locations of the US espionage, most likely as a hacker. Then, since he was not an operative agent, he did not have to pass the very strict physical and psychophysical tests that all agents on field have to pass. These tests would have surely revealed the shortcomings of reliability and stability that are necessary for an operative agent.

Environment:

The current environment changed the weapons and the battleground between the powers, but not only, it also amended the litigations, shifting the targets from physical to metaphysical, from places to tools.

The wars that are fought on the ground, although bloodier, perhaps are not the most strategically important. The battles that are won in the cyberspace, can bring down or can rule statuary, economic, scientific and industrial systems.

Armed and hardly trained men, were replaced by normal or even subnormal kids, who instead of spending their youth in a gym, spend their nights hunched over keyboards and front of video screens, often earning a high myopia. It doesn’t matter if you’re epileptic, you can receive the necessary treatment at any time. It doesn’t matter if you are prepared, ready to die, if you completed your studies at West Point. What matters is that you have the skill of partaking in web environments, you owned a laptop since your childhood, you have a social network profile, and you have the ambition of becoming a hacker.

The new prototype of secret agents is just like Edward Snowden and similar soldiers are needed a lot to analyze and catalog the huge amount of data that every second cross the network and are intercepted, which is why many services are given to private companies in outsourcing.

Allocating such a service to a specialized agent has a much higher cost than using a trained operator only to do that, which is why they turn to the contractors.

It is said nowadays that the network is a sieve; of course, it has always been so, with the only difference that now the need to spy and to get protection from the electronic espionage is much bigger than in the past.

Let’s assume that no telematically transmitted data is safe. The network is like a huge safe where we keep our treasures, our most important data. This safe has a key that is produced or generated by those who built the virtual safe, that is the big electronic software companies. Having control of Microsoft and Apple and or other companies like that, means to know all the keys of access of all the users.

The world can not do without the computer network, if it collapsed it would be total chaos. We all are aware of it, but we hope that does not happen. Governments, the various secret services, engage in this battle with a dual aim: to defend themselves and to try and destroy the enemy.
But how is it organized, or rather, how should the work of electronic espionage be organized?

If we consider the profiles of the operators, especially with regards to the contractors, who did not sustain the tests for reliability and confidentiality, the espionage projects are, or at least should be, divided into levels, chopped, and assigned to each individual. This way, only assembling the various pieces you can get a complete picture. The complete picture should be in the hands of the coordinator, the project manager of absolute reliability.

The question is: how did Snowden manage to steal such a large amount of data without anyone noticing, and in a limited period of time? It is not possible, unless you consider that all this is part of a month, maybe year, long project, during which Edward, individually or, more likely guided, collected and stored million data, with hacking activities, taking advantage of his privileged position.
Analyzing his behavior before his escape, you can understands very well that he was part of a well-studied plan.

He had left about a month before the house where he lived with his girlfriend in Hawaii, he had leaked some tiny information, and remained anonymous for a while, as he knew he would not have remained anonymous for long. Then he did not take a flight not for Iceland or for another Country that would have easily granted him political asylum, instead he went to Hong Kong, i.e. is the People’s Republic of China.

Is it possible to imagine that an American subject, certainly filed as a spy by the Chinese secret services, can enter the Chinese territory and then he can stay there quietly in a comfortable Hotel for about 20 days without the Authorities being informed? No, who at least once passed the controls of the Chinese Border Police, knows very well that this is not possible.

Although Hong Kong is a special administration Country and you do not need to obtain a visa before entering, if the visit is for tourism and it does not last more than 90 days, at the Border you are registered and checked.

China diplomatically takes time with the US request of expelling the “traitor”. They verify that he does not appear in any “wanted” list of the INTERPOL and claim they cannot violate the rights of a citizen upon which a request for international arrest has not yet been formalized; all said by the People’s Republic of China!

What did Snowden give to the Chinese Snowden to avoid being kicked out from Hong Kong? It is easy to guess. But the situation becomes more and more tense, and so the young American decides to leave for Moscow.

In order to take a flight for Russia you need a visa or, in case of a transit flight, you need a ticket to another Country. It is impossible that Aeroflot let him board without a defined final destination.

In Moscow he stayed at the only hotel in the transit area, the Kora Vip Hotel, located between Terminal 1 and Terminal 2 of the highly controlled Sheremietievo International Airport. The hotel is rather small with about twenty rooms, the rooms cost from 88 to 158 $.

The US make a bold move and cancel Snowden’s passport, so no airline can let him on board. Try and imagine an common person in Russian territory, if not formally yet physically in Russia, without a passport, without a visa and without a transit ticket? IMPOSSIBLE

The effects:

Saying that the effects of the Snowden case had not been calculated would be naive; suspecting that the story has distant origins would be legitimate. If this were the case, it would certainly be the most sophisticated intelligence operation presumably orchestrated by the Russian or the Chinese or by both in a joint venture.

The story begins with news of the development of billions of contacts, data, numbers, locations related to communications, some people are shocked, they cry in protest then the world realizes that this is the way of the world.

Then there is something else, the US are spying on the European allies, diplomatic missions, representatives and even the ECB.

It is chaos, the European Parliament President Martin Schulz, a German Social Democratic, called  treason; that’s first effect: the suspension of the procedure for the FTA treaty between the EU / USA.
Then French, in favor of the treaty, came into play, but proposed the so-called “Cultural Reserve”.

The free trade agreement between the two sides of the Atlantic would constitute a commercial district that is 50% of the world GDP, this means an increase of about 1% of the GDP and it has a value of about 195 billion for Europe and of 90Mld for the US.
Obviously, the other major markets, Russia and China in the first place, would have the losses and would be affected by the abolition of customs duties. These happen to be the very same Countries where the most wanted man of the moment stayed and is currently staying.
Two birds with one stone, in addition to the rupture of the free trade negotiations, the Snowden’s move produced a climate of mistrust that could affect military reports and defense identity within NATO.
The United States of America have been shifting lately the attention and then the strategic military resources from the Atlantic to the Pacific, considering now the Atlantic axis normalized and under control of the Allies.

The rupture or interruption of relations between the EU and US could delay the positioning accuracy on the Pacific axis of the US forces, thus causing damage in the joint control of the balances in Southeast Asia, one of the commercial and hegemonic objectives of the Beijing policy.

To close up, characters, settings, places and objectives, lead more to consider the Snowden case as an excellent intelligence activity rather than as the initiative of a single patriot animated by good feelings.

Cosa o chi ha condizionato Snowden

Il mondo visto come una scacchiera sulla quale abili giocatori architettano le proprie mosse, cercando di prevedere le contromosse, le reazioni dell’altro schieramento.

“Knight Snowden” si è presentato come un cavaliere senza macchia e senza paura, illuminato da un improvviso sentimento democratico, d’amor di una Patria dalla quale si è sentito tradito, o meglio era la Patria ad essere stata tradita dai governanti.

Allora d’un tratto prese la decisione che sviscerare tutti i segreti dei quali era venuto a sapere, quei dati e quelle informazioni riservate, carpite alla gente in maniera subdola da un Governo, quello degli Stati Uniti d’America, che lui non aveva più intenzione di servire.

Fino a questo punto sarebbe comprensibile – non credo più nel sistema, mi isolo e cerco di combatterlo – ma il comportamento del giovane hacker lascia comunque dei dubbi che nessuno sarà in grado di dissipare, almeno per il momento.

In questo nostro documento cercheremo di analizzare, senza dare valutazioni demagogiche, i soli elementi conosciuti: personalità, contesto ed effetti.

Della personalità:

Dai dati conosciuti si può desumere che il giovane, figlio di un Ufficiale della Guardia Costiera e di una Impiegata della Corte Federale del Maryland, ha frequentato la scuola dell’obbligo fino al 10° grado, ma non è riuscito a completare il corso d’informatica ed è stato costretto a diplomarsi in una scuola privata.

La causa della sua incostante presenza scolastica viene attribuita dal padre all’epilessia, malattia della quale Edward soffre sin da piccolo.

Appena ventenne Edward cerca di arruolarsi nei corpi speciali americani con l’intento di andare a combattere in Iraq, ma dopo quattro mesi viene riformato e rispedito a casa. Nel 2004 riesce a trovare posto come guardiano presso l’Università del Maryland dove ha una sede la NSA.

È possibile che per questo lavoro abbiano pesato le conoscenze del padre, che come si è detto, è un Ufficiale della Guardia Costiera dello Stato, dato che certamente non sono state valutate le condizioni di salute del ragazzo affetto da epilessia, pregiudizievole per un lavoro di sicurezza, forse sarà stata questa la causa del congedo dalle forze armate.

È prassi comune e consolidata per la CIA reclutare presso le università i suoi agenti e collaboratori e così sarà stato per Snowden, esclusivamente per le sue competenze e soprattutto attitudini informatiche.

Sarebbe stato quindi trasferito a Ginevra, non credo presso l’Antenna locale, ma molto probabilmente sotto la copertura di uno dei tanti uffici della “Company”.

Di lavoro a Ginevra c’è n’è tanto, oltre ad essere un crocevia economico per gli affari internazionali è una delle sedi di collegamento della International Atomic Energy Agency, ma è molto probabile che Edward sia stato utilizzato come hacker, non certo come operativo.

Nel 2009 dopo essere stato anche in Giappone per conto della CIA, lascia l’Agenzia per essere assunto da una società di contractor che svolge servizi per conto della NSA.

Viene da presumere che la CIA difficilmente l’avrebbe lasciato andare se fosse stato ritenuto strategicamente utile, oppure poteva far parte di un progetto di infiltrazione di una delle private company che gestiscono in outsourcing alcuni lavori di intelligence, questo resterà un mistero fin quando Edward non deciderà di non parlarne.

A soli 26 anni il ragazzo avrebbe girato diverse sedi dello spionaggio statunitense, molto probabilmente come hacker quindi, non essendo stato un operativo, non ha dovuto superare le rigidissime verifiche fisiche e psicofisiche alle quali sono sottoposti gli Agenti sul campo, che avrebbero sicuramente fatto emergere le carenze di affidabilità e stabilità necessarie per un operativo.

Del contesto:

Il contesto attuale ha modificato armi e terreno di scontro tra le potenze, ma non solo, ha modificato anche i contenziosi, indirizzando gli obiettivi da fisici a metafisici, da luoghi a strumenti.

Le guerre che si combattono sul terreno, anche se più cruente, forse non sono strategicamente le più importanti. Le battaglie che si vincono nel cyberspace, possono far crollare o governare sistemi statuari, economici, scientifici e industriali.

Uomini corazzati e duramente addestrati, sono stati sostituiti da normali o addirittura subnormali ragazzi, che invece di passare la loro adolescenza in una palestra, hanno trascorso le notti chini su tastiere e davanti a schermi video, guadagnandosi spesso una forte miopia.  Non importa se sei epilettico, potrai ricevere le cure necessarie in qualsiasi momento. Non importa se sei preparato, pronto a morire, che tu abbia concluso gli studi a West Point, l’importante che tu abbia l’attitudine a cimentarti negli ambienti web, che sin da piccolo abbia posseduto un portatile, un profilo social network, che tu abbia l’ambizione di diventare un hacker.

Le nuove schiere di agenti segreti sono proprio come Edward Snowden e di soldati del genere ne servono molti per analizzare e catalogare l’enorme quantità di dati che ogni secondo viaggiano sulla rete e vengono intercettati, per questo motivo molti servizi vengono dati in outsourcing a società private.

Destinare ad un servizio del genere un Agente specializzato ha un costo ben più elevato che utilizzare un operatore formato solo per far quello, ecco perché si ricorre ai contractor.

Si dice ora che la rete è un colabrodo, ovvio, lo è sempre stato, solo che adesso la necessità di spiare e di difendersi dallo spionaggio telematico è enormemente maggiore che in passato.

Partiamo dal presupposto che nessun dato che viaggia in maniera telematica è sicuro. La rete è come una enorme cassaforte dove custodiamo i nostri tesori, i nostri dati più importanti. Questa cassaforte ha una chiave che viene prodotta, ovvero generata, da chi ha costruito lo scrigno virtuale, le grandi compagnie elettroniche di software. Controllare Microsoft e Apple o altre compagnie del genere, equivale a conoscere tutte le chiavi d’accesso di tutti gli utenti.

Il mondo non può fare a meno della rete informatica, se crollasse sarebbe il caos totale; tutti ne siamo consapevoli, ma speriamo che ciò non accada. I governi, i vari servizi segreti, ingaggiano questa battaglia con l’intento duplice: difendersi e tentare di distruggere il nemico.

Ma come viene organizzato, o meglio come dovrebbe essere organizzato il lavoro di spionaggio elettronico?

Tenendo conto dei profili degli operatori, specie per i contractor, che non hanno superato test di affidabilità e riservatezza, i progetti di spionaggio sono, o almeno dovrebbero essere, suddivisi su livelli, spezzettati, assegnati ai singoli, in maniera tale che solo l’assemblaggio dei vari pezzi possa dare una lettura completa. Il puzzle completo dovrebbe essere nelle mani del coordinatore, del project manager di assoluta affidabilità.

La domanda è: come ha fatto Snowden ad appropriarsi di una tale quantità di dati senza che nessuno se ne accorgesse e in un peridio limitato? Non è possibile, a meno che non si consideri che tutto questo faccia parte di un progetto lungo mesi, forze anni, durante il quale Edward, autonomamente o più verosimilmente pilotato, abbia raccolto ed archiviato milioni di dati, con attività di hackeraggio, sfruttando la sua posizione privilegiata.

Analizzando il suo comportamento prima della fuga, si capisce benissimo che è stato parte di un piano ben studiato.

Aveva lasciato circa un mese prima la casa dove viveva con la fidanzata alla Hawaii, aveva fatto uscire con il contagocce alcune informazioni, rimanendo per un po’ anonimo, tanto sapeva che non avrebbe retto per molto l’anonimato, poi non ha preso un volo non per l’Islanda o altro paese che facilmente avrebbe concesso l’asilo politico, ma per Hong Kong, cioè per la Repubblica Popolare Cinese.

È possibile immaginare che un americano, sicuramente schedato come spia dai servizi cinesi, possa giungere in territorio cinese e rimanervi tranquillamente in un comodo Hotel per circa 20 giorni senza che le autorità fossero state infornate? No, chi almeno una volta ha passato i controlli della polizia di frontiera cinese, sa benissimo che questo non è possibile.

Anche se Hong Kong è una amministrazione speciale e non necessita ottenere un visto prima di entrarvi, se la visita è a scopo turistico e non dura più di 90 giorni, alla dogana si viene registrati e controllati.

La Cina diplomaticamente, alla richiesta americana di espellere il “traditore”, prende tempo, accerta che non compare in un “wanted” dell’INTERPOL e dichiara di non poter violare i diritti di un cittadino sul quale non è stata ancora formalizzata una richiesta di arresto internazionale; detto dalla Repubblica Popolare Cinese!

Cosa avrà dato ai cinesi Snowden per non essere cacciato a pedate da Hong Kong, è facile intuirlo. Ma l’aria si fa sempre più afosa e il giovane americano decide di partire per Mosca.

Per imbarcarsi per la Russia è necessario avere un visto oppure, se si tratta di un transito, un biglietto per un altro Paese, impossibile che Aeroflot l’abbia fatto imbarcare senza una meta precisa.

Giunto a Mosca viene ospitato nell’unico albergo in zona transito, Kora Vip, situato tra il terminal 1 e il terminal 2 del controllatissimo aeroporto internazionale di Sheremietievo, una piccola struttura con una ventina di camere, le camere costano da 88 a 158$.

Gli USA fanno un colpo di mano, annullano il passaporto di Snowden così nessuna compagnia aerea può imbarcarlo. Immaginate un comune mortale in territorio russo, se non formalmente fisicamente in Russia, senza passaporto senza visto, senza biglietto di transito? IMPOSSIBILE

Degli effetti:

Dire che gli effetti del ciclone Snowden non siano stati calcolati sarebbe da ingenui; sospettare che la vicenda abbia origini lontane sarebbe legittimo. Se così fosse sarebbe certamente la più sofisticata operazione di spionaggio messa a segno immaginiamo da russi o cinesi o da entrambi in una joint venture.

La vicenda inizia con notizie sull’elaborazione di bilioni di contatti, dati, numeri, localizzazioni riferibili alle comunicazioni, qualcuno si scandalizza, grida poi il mondo si rende conto che così fan tutti.

Poi si fa strada un’altra notizia, gli USA spiano gli alleati europei, sedi diplomatiche, rappresentanze e addirittura la BCE.

Apriti cielo, Martin Schulz Presidente del Parlamento europeo, coriaceo socialdemocratico tedesco, grida al tradimento, primo effetto: la sospensione della procedura per il trattato di libero scambio UE/USA.

A far da sponda ci si mettono poi i francesi, favorevoli al trattato ma propositori della c.d. “riserva culturale”.

Il libero scambio tra le due sponde dell’atlantico costituirebbe un’area commerciale che vale il 50% del PIL mondiale, significa un aumento del PIL del 1% circa e ha un valore circa 195 Mld per l’Europa e 90Mld per l’America.

Ovviamente a farne le spese sarebbero gli altri grandi mercati, Russia e in primis Cina, penalizzati dall’abolizione dei dazi doganali e che guarda caso sono gli stessi Paesi dove ha soggiornato e soggiorna il ragazzo più ricercato del momento.

Con una fava due piccioni, oltre alla rottura dei negoziati sul libero scambio, la mossa di Snowden ha prodotto un clima di diffidenza che potrebbe incidere nei rapporti militari e di difesa in seno alla Nato.

Gli Stati Uniti d’America da qualche tempo stanno spostando l’attenzione e quindi le risorse strategiche militari dall’atlantico al pacifico, ritenendo l’asse atlantico oramai normalizzato e sotto controllo degli alleati.

La rottura o l’interruzione dei rapporti tra UE e USA potrebbe ritardare il posizionamento sull’asse del pacifico delle forze USA, provocando un danno nel controllo paritetico degli equilibri nel sud est asiatico, uno degli obiettivi commerciali ed egemonici della politica di Pechino.

In conclusione, personaggi, contesti, luoghi e obiettivi, portano più a considerare un’ottima attività di intelligence che ad una iniziativa di un singolo dettata da buoni sentimenti patriottistici.

 

 

 

 

La Banalizzazione

La globalizzazione di cui tutti parlano, spesso ignorandone il significato, è un fenomeno non casuale, conseguenziale, imprevisto, non voluto, virulento, subito, funzionale, incontrollabile.

La sua “non casualità” deriva dal fatto che è conseguenza di un processo tecnologico evolutivo a cui gli uomini hanno dato vita, ma che poi ha autonomamente guadagnato una velocità impressionante, tanto da divenire incontrollabile. La globalizzazione quindi andrebbe seguita, inutili sarebbero i tentativi per addomesticarla.

Questo virulento fenomeno, che da tecnologico si è velocemente trasformato in sociale, porta, o meglio, potrebbe portare enormi benefici agli esseri umani; l’altra faccia della medaglia, quella per ora più evidente, invece mostra i danni che sta provocando.

Il primo danno che è facilmente riscontrabile, è la BANALIZZAZIONE.

L’utilizzo dei social media, sempre più frequentemente adoperato da persone che ne ignorano le potenzialità, ha trasformato la comunicazione e le relazioni sociali che ne derivano in grimaldelli capaci di scompaginare ogni elemento fondante della comunità, banalizzando, appunto, ogni tipo di relazione.

La struttura pubblica della politica viene continuamente banalizzata da interventi assurdi, esagerati o minimizzati nei toni e nei contenuti. Assistiamo a spettacoli penosi portati in scena da politici dilettanti che, in preda a deliri di onnipotenza, convinti che basti distruggere per poi ricostruire, si esercitano nella filosofia del nulla e quel che è peggio, compiono azioni demolitive senza nessun progetto di ricostruzione, o per lo meno con concetti totalmente non ponderati e supportati da una visione prospettica delle conseguenze.

A molti cybernauti, spesso animati da rancori, delusi, e privi delle competenze culturali necessarie, basta leggere le didascalie di un articolo (prodotto quasi sempre ad hoc da chi beneficia in termini politici dello stravolgimento della realtà e dell’evidenza storica) per virulentarlo e renderlo patogeno nella rete web e quindi nelle coscienze di moltissimi loro simili.

La banalizzazione del sesso cancella il momento magico di uno strumento naturale che, prima di essere finalizzato al piacere, ha il nobile compito di favorire la socializzazione e, nella stragrande maggioranza dei casi, assicurare la prosecuzione consapevole e responsabile della stirpe.

La diffusione incontrollata di messaggi e materiali pornografici, facilmente a portata di mano di adolescenti e talvolta bambini, banalizza il significato stesso dell’approccio sessuale tra individui, tanto da portare i ragazzi a considerare il sesso una “banalità”, un’azione “facile”, priva di conseguenze.

Il sesso banalizzato, svuotato dei sani contenuti, conduce i giovani a praticarlo anche senza condividerne il piacere; non come piacevole conseguenza di un’attrazione empatica prim’ancora che fisica. La pratica del sesso orale per una ragazzina, che mira ad ottenere in cambio una ricarica telefonica, non viene percepita come un’aberrazione, una decadenza della morale e dei valori sociali, bensì un semplice e banale mezzo utilizzato per raggiungere lo scopo. L’aumento tra gli adolescenti delle malattie sessualmente trasmissibili e delle gravidanze premature ed indesiderate è un allarmante fenomeno che interessa ogni società e ogni strato sociale.

Anche le condotte criminali vengo banalizzate da videogiochi nei quali la violenza è talmente banalizzata da risultare appunto banale; dai messaggi, commenti e scontri violenti, anche solo verbali, viene tratto il risultato che commettere un crimine possa essere una conseguenza logica per sopperire ad una carenza. Una generazione persa nei quartieri difficili di Napoli e di altre città si identifica meglio con il protagonista violento del film Gomorra, piuttosto che con l’operaio modesto e serio; ritiene “banale” uccidere un avversario, banale come la scena di un film; persino le conseguenze risultano banali: l’arresto al quale segue la confessione del delitto e l’apparente e finta “collaborazione” con la magistratura, tutto così semplice, banale, proprio come in un videogioco.

Persino le relazioni sentimentali subiscono una banalizzazione attraverso l’uso sconsiderato dei social media. Possono anche nascere relazioni sentimentali, veri e propri innamoramenti sebbene “inquinati” da evidenti carenze di vicinanza fisica, colmati spesso da apparenti condivisioni di vedute, vicinanza d’idee politiche, religiose, culturali; idee condivise solo nella realtà virtuale, illusorie, che probabilmente di fronte a contingenti e reali situazioni porterebbero allo scontro.

Sterili relazioni che non si concretizzano a causa delle distanze fisiche non colmate della modernità della globalizzazione e la velocità della comunicazione; oppure a causa della realtà che vede entrambi i cyber-fidanzati attori protagonisti di altri film nell’arcaica vita reale.

Tanto non accade nulla, è tutto così banale, come banale è bloccare il contatto, la cyber-tresca clandestina.

La banalizzazione dei sentimenti è il danno più pericoloso che una comunicazione sociale globalizzata può produrre, in quanto ogni società si basa sui sentimenti (odio, amore, pietà, solidarietà) e se anche i sentimenti vengono attaccati dalla BANALIZZAZIONE, il processo sarà irreversibile.

 

 

 

I caratteri – Teofrasto

Il recente drammatico evento di Nizza ha provocato una serie di reazioni e commenti, alcuni dei quali veramente ridicoli. Il criminale terrorista è stato addirittura in un primo momento indicato come un pazzo; il padre di questo bastardo, già segnalato per la sua vicinanza al radicalismo islamico, si è affrettato a dire che a suo figlio, sin dall’adolescenza, era stato diagnosticato un disturbo della personalità.

Persino le Autorità, che anche questa volta hanno dimostrato una preoccupante incompetenza, avevano cercato di attribuire il diabolico gesto ad un pazzo solitario, affetto da chissà quale morbo. Come si può pensare che alle dieci di sera un TIR possa consegnare gelati nel centro di una città come Nizza dove la circolazione di mezzi pesanti è sempre vietata? Un mio collaboratore locale e mussulmano ha raccolto delle informazioni, che non possiamo ovviamente controllare, secondo le quali il pluriassassino sarebbe stato un informatore della polizia e questa potrebbe essere la ragione del fatto che i poliziotti l’abbiamo lasciato passare.

Tornando ai disturbi della personalità, vorrei precisare che già nel III secolo a.C. Teofrasto, allievo di Aristotele, classificò gli ateniesi in 30 caratteri differenti. Molti secoli dopo, grazie anche agli studi teosfrastici, Overbury, e De La Bruyère e prima e successivamente in maniera scientifica Pinel agli albori del 1800, descrisse quelle che lui chiamava “manie sans dèlire”, ovvero quella condizione maniacale di esplosioni di rabbia senza i segni della malattia psicotica (deliri o allucinazioni).

Io e non credo di essere il solo a pensare che i criminali violenti siano solo dei “cattivi”, persone che potremmo inquadrare tra i soggetti pervasi dal disturbo antisociale di personalità (Cluster B). Questi elementi hanno l’attitudine a ignorare le regole e gli obblighi sociali, impulsivi e irresponsabili, ostili e violenti, a seguito dei danni che provocano agli altri non provano il sentimento di colpa, non si assumono la responsabilità e incolpano altri (tipico del delatore). Sono inclini all’abuso di alcool e di sostanze e non riescono a mantenere costanti le relazioni affettive.

Se lette attentamente queste caratteristiche sono riscontrabili in tutti gli attentatori che hanno insanguinato l’Europa e non si può dire che essi siano dei folli, sono solo ed esclusivamente dei “cattivi”; dobbiamo essere consapevoli che nell’uomo esiste la cattiveria, che è una condizione personale non molto rara.

Tutti i grandi criminali violenti e sanguinari sono dei “cattivi”, deviati; la devianza non è altro che il contrario della normalità, quella normalità così concepita ora e in questo luogo, ed ecco perché noi li chiamiamo “antisociali”, maniaci senza delirio, come affermava Pinel.

Per assurdo non esiste nessuna differenza di dinamica psicologica criminale tra chi spacca una vetrina e chi compie una strage, semmai la differenza sta nell’intensità e nella gravità dei danni provocati; entrambe le azioni sono frutto di un comportamento violento antisociale compiute da soggetti che per convenzione abbiamo schematizzato come “disturbati”, che possono anche essere prive di delirio.

Ora, chi provoca questi disturbi? Verrebbe da dire la società, che ovviamente non è perfetta e che ha le sue colpe; società alla quale gli stessi “cattivi” appartengono, e che non di rado ne sono ai vertici. La vera ragione sta invece nella natura stessa degli esseri umani, specie di sesso maschile, invasa da una significativa componente di cattiveria.

 

The Charachters – Theophrastus

The recent dramatic events occurred in Nice caused a series of reactions and comments, some of which are truly ridiculous. The criminal terrorist was even at first referred to as a lunatic; the father of this bastard, already known for its affiliation to Islamic radicalism, was quick to say that his son had been diagnosed with a personality disorder since the adolescence.
Even the Authorities, who once again showed a worrying lack of competence, tried to blame for this evil crime a lone demented man who suffered from some kind of disease. How could you possibly think that a truck can deliver ice cream in the center of a city like Nice at ten in the evening, where the circulation of heavy vehicles is always prohibited? My local collaborator and a Muslim gathered some practical information, which we obviously can not verify, according to which the mass murderer would be a Police informer, and this could explain why the Police let him pass.

Getting back to personality disorders, I would like to point out that as early as in the third century BC Theophrastus, a pupil of Aristotle, ranked the Athenians in 30 different characters. Many centuries later, also thanks to the studies of the work of Theophrastus, Overbury, and De La Bruyère and before and later in a scientific manner Pinel at the dawn of 1800, described what he called “manie sans dèlire”, or the manic state of anger outbursts without signs of psychotic illness (delusions or hallucinations).
I do not think I am the only one who believes that violent criminals are only “bad” people that we can classify amongst the subjects pervaded by antisocial personality disorder (Cluster B). These elements tend to ignore the rules and social obligations, they are impulsive and irresponsible, hostile and violent, they do not feel guilty for the damage they cause to others, they do not take their responsibility and blame others (this is typical of the traitor). They are keen on alcohol and drugs and fail to maintain constant emotional relationships.

If carefully analyzed, these features can be spotted in all the bombers that have bloodied Europe, and we can not say that they are insane, that they are exclusively “bad”; we must be aware that there is evil in man, which is a personal condition and it is not very rare.

All the great violent and bloodthirsty criminals are “bad”, diverted; deviance is nothing but the opposite of normality, and normality is conceived in this time and in this place, and that’s why we call them “anti-social”, maniacs without delirium, as Pinel stated.

Absurdly, there is no difference in the criminal psychological dynamics between someone who breaks a shop window and those who commit a massacre, if anything, the difference lies in the intensity and severity of the damage caused. Both actions are the result of a violent antisocial behavior carried out by people that by convention we classified as “disturbed”, who can also be free from delusion.

Now, who causes these disorders? One might say the society, which is obviously not perfect and has its faults. These same “bad people” belong to the society and they are often at the top of it. The real reason lies rather in the very nature of human beings, often the male ones, who are invaded by a significant component of badness.

E’ la fine del Capitalismo?

Convegno ANS –  09/06/2016 – Università La Sapienza, Roma

È la fine del capitalismo?

 

La domanda dalla quale nasce questa mia riflessione è: questo tipo di sistema economico-sociale che è il capitalismo è compatibile con l’ambiente?

Quando parliamo di ambiente tutti noi sappiamo che cosa vogliamo intendere; non solo la natura che ci circonda, bensì e principalmente, noi stessi, l’uomo; l’uomo in quanto animale sociale e socievole.

“Stiamo vivendo una fase di cambiamento” …. Quanta banalità in questa frase retorica che spesso si sente pronunciare.

Ovvio che stiamo vivendo un cambiamento; ogni nano-secondo il mondo cambia seppur in maniera a volte impercettibile, ma cambia significativamente. Ci sono dei periodi, come credo quello che stiamo vivendo, che hanno un significato molto più marcato. Epoche “di mezzo”, come le grandi trasformazioni sociali, la rivoluzione industriale e l’illuminismo, per citarne alcune tra le più recenti.

Il problema sta nella mancata percezione da parte di chi avrebbe, e non mi riferisco esclusivamente all’Italia, la responsabilità di governo delle società.

Citando Bauman: viviamo in una specie di interregno, sospesi tra il “non più” e il “non ancora”, un tempo in cui il passato non è ancora passato e il futuro è già il presente.

Paul Mason del The Guardian, l’anno scorso scrisse un interessante articolo i cui punti principali sono:

  • Il modo di gestire l’organizzazione del lavoro, valido fino al XX secolo, è oramai chiaramente terminato.
  • Stanno emergendo nuovi modi di lavorare.
  • Le nuove tecnologie facilitano ma contestualmente richiedono il cambiamento.
  • Il cambiamento va oltre la tecnologia.
  • La tecnologia ha contribuito a creare un nuovo sistema per gestire il mondo; ma il cambiamento richiede anche un cambiamento di mentalità per poter trarre pieno vantaggio della tecnologia.
  • Noi abbiamo sfumato i confini tra lavoro e tempo libero.
  • Molti di noi si aspettano ora che il lavoro possa offrire una opportunità di crescita umana autentica.
  • La transizione verso un’economia creativa è già iniziata; il futuro è già qui e come William Gibson ha osservato: è solo distribuito molto irregolarmente e i vecchi metodi possono richiedere molto tempo per scomparire.

Il capitalismo moderno può considerarsi sostenibile e quindi compatibile con le esigenze future?

Il profitto prima di tutto, per esempio: le coltivazioni di grano negli Stati Uniti e in Canada, vengono cosparse il giorno prima della mietitura con diserbanti ovviamente chimici; diserbanti che non hanno il compito di diserbare, bensì di rendere il grano più secco e privo di acqua, così da elevarne il valore, poco importa delle ripercussioni sull’ambiente e quindi sugli esseri viventi, questo solo nel nome del profitto.

Mi domando e vi domando, come abbiamo intenzione di affrontare le nuove sfide?

La sfida demografica innanzitutto, che vedrà la popolazione africana raddoppiare in soli 30 anni, raggiungendo un picco di popolazione pari a 2,5 miliardi, sui 9 miliardi complessivi, quindi il 30% circa.

Sono state le esigenze capitalistiche legate all’andamento del costo dei prodotti alimentari ad indurre i corrotti governi della striscia sub Sahariana a distruggere le coltivazioni in cambio di aiuti economici.

Ora ci troviamo a gestire flussi migratori provenienti da quelle aree rese invivibili dal massiccio e spregiudicato sfruttamento del territorio, dell’ambiente.

I conflitti bellici e gli stravolgimenti degli assetti geopolitici, culturali e religiosi, nati spesso, o meglio, mi correggo, esclusivamente per ragioni economiche, ci fanno paura e non sappiamo come risolverli.

L’esplosione delle nuove tecnologie che aumenteranno l’apporto della robotica e automazione nei processi produttivi.

Nei prossimi decenni perderemo 5,2 milioni di posti di lavoro e i robot sostituiranno il 50% della manodopera. Perderemo quindi i contributi previdenziali di milioni di lavoratori e questo a discapito dello stato sociale ma non del capitalismo.

Se calcoliamo che un robot può sostituire almeno due lavoratori, questo vuol dire che mentre i versamenti contributivi diminuiranno, il margine di ricavo delle aziende che impiegano la robotica a discapito della manovalanza crescerà in maniera esponenziale.

E’ questo il capitalismo che vogliamo? è questo lo stato sociale che desideriamo?

Sembra di sì, a giudicare almeno delle politiche sociali adottate da molti paesi europei e non: le politiche dei governi mirano alla costruzione di posti di lavoro e alla riduzione delle tasse alle imprese.

Giusto sarebbe se vi fosse una prospettiva diversa, ma data la matematica certezza della riduzione dei posti di lavoro, mi chiedo se non sarebbe meglio razionalizzare il lavoro riducendone l’orario; Francia e Belgio per adesso ad esempio stanno facendo il contrario, elevando l’orario di lavoro settimanale.

Ridurre la pressione fiscale sui redditi prodotti dalle risorse umane!

Io sinceramente, e parlo da imprenditore capitalista, trovo immorale l’affannosa rincorsa al profitto a qualsiasi costo.

La ricerca frenetica per l’accumulo del capitale credo sia invece una manovra che potrebbe solo sembrare vantaggiosa per le imprese; lo sarebbe, a limite, se le prospettive fossero a breve termine. Se invece considerassimo, come sarebbe intelligente fare, progetti a lungo termine, ci accorgeremmo che il mancato gettito fiscale e contributivo provocherebbe, e provoca, un collasso sociale che inevitabilmente colpirebbe l’intera struttura socioeconomica, persino gli imprenditori.

La popolazione mondiale aumenterà in maniera drasticamente esponenziale, mentre la necessità dell’uomo di utilizzare l’impiego diretto, fisico, diminuirà altrettanto esponenzialmente; se ne deduce che il lavoro così come è concepito e questo capitalismo così come ora viene concepito, collidono con una ragionevole programmazione delle strutture sociali future, o forse anche presenti.

Altro aspetto che dovremmo tener presente sarà la riprogrammazione del nostro tempo libero.

Una oculata gestione del tempo libero potrebbe da un lato a creare nuova occupazione, dall’altro a consentire l’accrescimento culturale di noi esseri umani.

Pensate se ad esempio un uomo dovesse trovarsi libero da impegni di lavoro per 10 o 15 ore in più alla settimana; quante cose potrebbe fare? ed è qui che le organizzazioni del lavoro dovranno trovarsi pronte. Cultura, arte, benessere, viaggi, alimentazione, cura del territorio, impegno sociale.

SOGNO UN MONDO FANTASTICO?

Purtroppo i segnali non sono affatto positivi: guardando ciò che accade attorno a me mentre viaggio mi rendo conto che l’uomo è veramente un masochista. Ho notato gente, in aereo, sui treni, persino mentre attraversa un semaforo a piedi, utilizzare delle App di intrattenimento, giochi, molto spesso d’azzardo.

Mentre li guardo mi viene in mente il destino degli indiani d’America, dei cocaleros o dei coltivatori di oppio del sud est asiatico.

Il capitalismo ha fornito loro uno strumento per annichilire la loro mente, le loro coscienze. Whisky per gli indiani e droga per i coltivatori andini o cambogiani.

Un po’ quello che sta accadendo con la diffusione dei videogiochi che inducono l’utilizzatore alla perdita di ogni capacità di reazione.

Concludo con una nota di ottimismo: sono fermamente convinto che se strategicamente ben gestite, le trasformazioni sociali possono rappresentare una nuova e più brillante epoca. Il risultato dipenderà anche dalla consistenza delle nostre idee, dall’apporto che questa importante comunità scientifica, la nostra, saprà dare alla politica, censurando quando necessario scelte e iniziative pericolose per uno sviluppo armonioso e sereno della società in cui viviamo e suggerendone delle positive.

Si può rendere più socialmente compatibile il capitalismo?

Spetta a noi dimostrarlo.

 

Claudio Loiodice

 

 ANS Associazione Nazionale Sociologi – Meeting – June 09 2016 – University La Sapienza, Rome

 

Is capitalism ending?

This is the question that arises from my reasoning: is this kind of economic and social system, that is, capitalism, compatible with the environment?
When we speak of environment we all know what we mean: not only the nature that surrounds us, but, and mainly, ourselves, man; man as a social and sociable animal.

“We are living through a time of change”…. this is so commonplace and yet we hear it often.

Of course, we are experiencing a change; every Nano-second the world is changing, even if it may be a subtle change, yet it does change significantly. There are times, as I believe the era we are living in now, that have a much deeper meaning. “Mid-way” eras, such as the great social transformations, the Industrial Revolution and the Enlightenment, as an example amongst the most recent.

The problem lies in the lack of understanding from those who would, and I am not referring exclusively to Italy, be responsible for the government of companies.

Quoting Bauman: we live in a sort of interregnum, suspended between the “no longer” and “not yet”, a time when the past is not the past and the future is already the present.
Last year Paul Mason of The Guardian wrote an interesting article whose main points are:

  • The way of handling the organization of work, which was valid until the twentieth century, is now clearly over.
  • New ways of working are emerging.
  • New technologies help but at the same time, they require the change.
    •The change goes beyond technology.
  • Technology helped creating a new system to manage the world; but the change also requires a change of mentality in order to take full advantage of the technology.
  • We blurred the boundaries between work and leisure.
    • Many of us now expect that the work can offer opportunities for actual human growth.
  • The transition towards a creative economy already begun; the future is already here and, as William Gibson observed, it’s just very unevenly distributed and the old methods may take a long time to disappear.

Can modern capitalism be considered sustainable and therefore compatible with future requirements?

Profit first of all, for example: wheat crops in the United States and in Canada are sprinkled on the day before the harvest with herbicides, which are chemicals of course. These herbicides do not have the task of weeding but they make the wheat dry and water-free, so that it will cost more, regardless of the impact on the environment and also on the livings; all this in the name of profit.

I wonder and I ask you, how are we going to face the new challenges?

The demographic challenge first, which will see the African population double in just 30 years, thus reaching a population peak of 2.5 billion on a total of 9 billion, then about 30%.

It was the capitalist demands related to the performance of the cost of food to induce the corrupt governments of Sub-Saharan strip to destroy crops in exchange for economic aid.

Now we have to manage migration flows from those areas that were made uninhabitable by the massive and unscrupulous exploitation of space, and of the environment.

Wars and upheavals of the geopolitical, cultural and religious assets, often, or rather, let me correct, solely born for economic reasons, frighten us and we do not know how to solve them.

The outbreak of new technologies that will increase the contribution of robotics and automation in production processes.

In the next decades, we will lose 5.2 million jobs and the robots will replace 50% of the workforce. We will then lose the social security contributions of millions of workers and this will be at the expense of the welfare state, not of capitalism.

Let’s assume that a robot can replace at least two workers, this means that while the contribution payments will decrease, the net income of the companies that employ robotics at the expense of manual laborers will grow exponentially.

Is this the capitalism that we want? Is this the welfare state that we wish for?

It seems so, at least from the social policies adopted by many European countries and not only by them: the government policies aim at the creation of jobs and at the reduction of the corporate income taxes.

It would be fair if there were a different perspective, but given the unquestionable certainty of the job cuts, I wonder if it would not be better to rationalize work, reducing the working hours. France and Belgium, for instance, are currently doing the opposite, increasing the weekly working hours.

Reduce the tax burden on income produced by human resources!

Personally, and I speak as a capitalist entrepreneur, I find the frantic race for profit at any cost immoral.

I believe that the frantic search for capital accumulation is rather a move that could only seem advantageous for businesses; it could be if the prospects were short-term. Instead, if we considered, as it would be smart to do, long-term projects, we would realize that the failure to tax and contribution revenues would cause, and causes, a social collapse that would inevitably affect the entire socio-economic structure, even business owners.

The world’s population will increase in a dramatically exponential way, while man’s need of using the direct physical use will decrease just as exponentially. We can deduce that the work as it is conceived and that capitalism as well as it is now conceived, collude with a reasonable planning of future, or perhaps even present, social structures.
Another aspect that we should keep into consideration is the reprogramming of our free time.
A careful management of leisure could both create new jobs, and, on the other hand, it could allow the cultural growth of us human beings.
Consider if, for example, a man should be free from work commitments for 10 or 15 extra hours a week; how many things could he do? This is where the labor organizations must be ready. Culture, art, wellness, travel, food, care of the land, social commitment.
I DREAM OF A WONDERFUL WORLD.
Unfortunately, the signs are not good: observing what happens around me as I travel I realize that humankind is really a masochist. I noticed people on the plane, on the train, even while crossing a traffic light, that use entertainment Apps, which are very often gabling games.
As I look at them I am reminded of the fate of the American Indians, the cocaleros, or the opium growers in Southeast Asia.
Capitalism gave them a tool to annihilate their minds, their consciences. Whisky for Indians and drugs for the Andean or Cambodian farmers.

It’s a bit like what is happening with the spread of video games that lead the user to the loss of any ability to react.
I would like to close up with an optimistic note: I firmly believe that social transformation, if strategically well managed, can represent a new and brighter era. The result will depend also on the consistency of our ideas, on the input that this important scientific community, our community, will give to policies, censoring when necessary dangerous choices and initiatives and suggesting positive choices for the harmonious and peaceful development of the society in which we live.
Can we make capitalism more socially acceptable?
It is up to us to prove it.

Claudio Loiodice